Non è una città per cani

dog
Chi mi segue anche sulla pagina Facebook sa quanto io ami gli animali, e questo post in particolare è dedicato ai cani. Avendone uno, e volendolo portare qui con me, faccio sempre molta attenzione a come vengono trattati, a dove possono e non possono entrare, a quanti negozi ci sono per loro in giro per la città, agli spazi pubblici che li ammettono o meno, ai negozi dove sono ben accetti, etc.
Beh, la mia conclusione, seppur amara, è che New York non è una città per cani. Vi spiego il perché.

Leggi tutto

Le prime mosse da fare subito dopo essersi trasferiti

Oggi scrivo per tutti quelli che stanno per coronare il proprio sogno: state per trasferirvi negli Stati Uniti!
Finalmente avete un visto, un biglietto aereo di sola andata, un lavoro o un’iscrizione al college, una valigia – o più – da riempire e parenti ed amici da salutare.
Ma una volta atterrati in terra americana, quali sono le prime mosse da fare?
no-panic

Leggi tutto

The Subway – La Metro di NYC

marilyn monroe grand central
A grande richiesta arriva questo articolo sulla metro di New York.
Lo so che avrei dovuto scriverlo prima, chiedo venia!
Prima di tutto un accorgimento davvero fondamentale: per tutti coloro che hanno imparato l’inglese dell’Inghilterra, o che hanno studiato in Gran Bretagna, ecco… scordatevi la parola TUBE per indicare la metro. Se dite “Where is the tube?” ad un americano lui penserà che state cercando una tubatura, o al massimo il tubo catodico della televisione, o meglio ancora, la sede newyorchese di YouTube!

Leggi tutto

Odi et amo – la Top Ten

ODI-ET-AMO

ODI ET AMO è un riassunto dei miei primi sei mesi qui. Una “lista” in cui vi dirò cosa mi ha colpito positivamente e cosa negativamente di questa città. Ad oggi, la scrivo con gli occhi una neo-newyorchese, o di una recente romana a New York – come preferite -, in quanto sono qui da più di sei mesi, ma meno di un anno; quando questo primo anno si sarà concluso scriverò – Odi et amo: one year after – e vedremo cosa sarà cambiato.
Per adesso ecco la mia prima mixed top ten, divisa in 5 cose che amo e 5 cose che odio di New York. Leggi tutto

NYC’s Serendipity

Stamattina stavo pensando alla serendipità. E pensavo che New York è davvero un ottimo teatro per la riuscita di questo spettacolo di coincidenze.
Tratto da Wikipedia:
“Il termine serendipità indica la fortuna di fare felici scoperte per puro caso e, anche, il trovare una cosa non cercata e imprevista mentre se ne stava cercando un’altra.”

Leggi tutto

Agne… ma che hai detto?!?

Non ci credevo. Eppure è così.
Tra Londra, San Francisco e New York, ormai sono 14 mesi che vivo all’estero, più precisamente in posti dove si parla inglese.
Quando ero al liceo prendevo in giro – amorevolmente – una delle mie migliori amiche, italo-canadese, che di ritorno a scuola dopo un’estate passata in Canada, diceva (e ormai dico anche io per osmosi) “la polline”, oppure “affordabile” per dire che una cosa se la poteva permettere (da affordable); ancora ci sentiamo e ci frequentiamo, vive anche lei qui negli Stati Uniti, quindi appena possibile ci vediamo, altrimenti ci teniamo in contatto con i vari Whatsapp, Messenger e FaceTime. Tra di noi ovviamente parliamo in italiano. Una delle ultime volte che l’ho sentita mi ha detto “è stato bello toccare base con te” – un delizioso modo di dire americano “touch base”, per esprimere il piacere di essersi “ribeccati”, come diremmo a Roma.
Tutto questo che c’entra con me?
Leggi tutto

Prendere l’autobus a New York

Vita da autobusNonostante la metro sia più veloce, quando non vado di fretta preferisco sempre prendere l’autobus. Mi piace di più perché mi godo la città, come se fossi su uno dei Sightseeing, quei grandi bus rossi a due piani pieni di turisti. Certo, non c’è il secondo piano, a volte non c’è manco il posto a sedere, ma è gratis grazie al mio abbonamento mensile.
Quello dell’autobus a New York è un mondo a parte… Ve lo racconto.

Leggi tutto

Farmacie e parafarmacie

dove-1353491_1920
Dopo aver letto il post sulla visita medica alcuni di voi mi hanno chiesto come sono le farmacie qui e cosa hanno di diverso da quelle italiane.
Chi è già stato negli USA si è reso conto che non esistono delle vere e proprie farmacie (che qua chiamano anche drugstore e chemist’s); i dottori che vendono il farmaco dietro prescrizione si trovano in fondo ai lunghi corridoi di Walgreens, Duane Reade (solo a NY) e CVS Pharmacy.
Ma cosa sono esattamente queste catene di negozi?

Leggi tutto