The Subway – La Metro di NYC

marilyn monroe grand central
A grande richiesta arriva questo articolo sulla metro di New York.
Lo so che avrei dovuto scriverlo prima, chiedo venia!
Prima di tutto un accorgimento davvero fondamentale: per tutti coloro che hanno imparato l’inglese dell’Inghilterra, o che hanno studiato in Gran Bretagna, ecco… scordatevi la parola TUBE per indicare la metro. Se dite “Where is the tube?” ad un americano lui penserà che state cercando una tubatura, o al massimo il tubo catodico della televisione, o meglio ancora, la sede newyorchese di YouTube!

Un ragazzo ieri mi ha scritto: “Ti prego fai al più presto un post sulla metro!!! Tu capisci che per un romano che ha due linee messe in croce e una terza che attualmente è isolata dalle altre due, la metro di NY è il panico puro!!”
E c’hai ragione! In effetti appena sono arrivata tutto questo pullulare di linee mi ha confusa, ed ho sbagliato varie volte la direzione. Ragazzi, imboccare la direzione giusta all’inizio è veramente difficile, quindi in questo post cercherò di essere il più chiara possibile e dirvi tutto quello che ho imparato in questi mesi per far sì che non vi ritroviate dalla parte opposta alla vostra destinazione originale!

Partiamo con la Metrocard: 
metrocard-nyc
La consiglio non solo a chi si sta trasferendo qui – ovviamente – ma anche a coloro che verranno in vacanza. È possibile acquistare un abbonamento settimanale, mensile o annuale in tutte le macchinette presenti nelle stazioni (fidatevi di me, non acquistatelo annuale perché potreste perdere la Metrocard e di conseguenza i soldi che ci sono dentro). Se è la prima volta che la acquistate vi sarà richiesto un dollaro in più, ovvero il costo per la carta stessa, successivamente vi basterà ricaricarla. Per ricaricare potete scegliere tra le opzioni “soldi” e “tempo”, che mi fa troppo pensare al film “In Time” con Justin Timberlake! Potete ricaricare la Metrocard in contanti, con il bancomat e con la carta di credito. A volte vi sarà chiesto di inserire il codice postale, potete mettere 10010 che è quello generico di New York.
La Metrocard funziona sia per le metro che per gli autobus; la linea che porta in New Jersey invece si chiama path e va pagato a parte.
Vi dico i prezzi in vigore mentre sto scrivendo (17/5/2016). Una corsa singola costa $3.00, una corsa singola con Metrocard costa $2.50; l’abbonamento settimanale costa $31.00, quello mensile costa $116.00. Inutile che vi dica di fare il calcolo di quante volte prendereste la metro oppure i bus durante una settimana e capire quale abbonamento vi conviene di più.

Veniamo ora alla subway, che conta ben 24 linee!
Official_New_York_City_Subway_Map_vc
Vista così potrebbe spaventare, ma vi assicuro che accumulando un po’ di esperienza sarete in grado anche di dare indicazioni 😉
Tutto sta nell’imboccare la giusta direzione. Le stazioni spesso sono ai quattro angoli della strada, e allora lì è fondamentale scendere dalla parte giusta, che di solito è indicata come “Downtown”, o “Uptown” -funk you up, uptown funk you up- …ok scusate, Bruno Mars ha colpito, ormai non riesco a fare a meno di cantarla ogni volta che leggo “uptown” 😂
Dicevo, “downtown” e “uptown” si riferiscono alle stazioni di Manhattan, se siete negli altri boroughts la direzione sarà “Manhattan”, o viceversa.
Vorrei soffermarmi un secondo sulle entrate: altro che vintage, qua il design se la batte con quella francese… È come fare un salto negli anni ’20!
nyc-subway-entrance paris-metro-entrance

Ok, quindi ora siamo entrati dalla parte giusta e abbiamo la Metrocard carica quindi swiiiiiiishhhhhh, la strisciamo ed entriamo.
NB: 1. Non tutte le stazioni hanno quattro entrate, a volte ce n’è una sola e solo dopo aver strisciato la Metrocard dovete scegliere la direzione. 2. Non tutte le entrate sono vintage, anzi, alcune sono super moderne e grandissime perché è dove si incrociano le diverse linee.

L’articolo continua a pagina 2: cosa fare nell’attesa, piattaforme, fermate, uscite.

One thought on “The Subway – La Metro di NYC

  1. Pingback: Le prime mosse da fare subito dopo essersi trasferiti - Una romana a New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.